Negroamaro del Salento IGT 2015

Rossi

L’uva Negroamaro , introdotta probabilmente dai Greci in Puglia, deriva il suo nome dal termine dialettali “niuru”, riferito al colore nero intenso delle bacche in piena maturità, unito all’aggettivo amaro (“maru”) che descrive il caratteristico retrogusto amarognolo che il vino ottenuto presentava un tempo, ora superato dalle moderne tecniche di vinificazione e cantina.
La sua coltivazione, perlopiù a tendone, è concentrata in Puglia, dove risulta la varietà a bacca nera maggiormente piantata, ma è nel Salento, lo splendido “tacco” dello stivale Italia, che riesce a dare il meglio di sé.
Rosso generoso e dalla spiccata personalità, molto profumato con note di frutta rossa come la prugna, è dotato di una bella struttura con tannini morbidi e ben amalgamati.
Vino adattabilissimo alle portate più svariate si abbina molto bene a quelle a base di carne, particolarmente di maiale o d’agnello arrosto. Ottimo anche con primi con verdure come i cavatelli con fagioli o la gustosissima zuppa di farro nonché portate accompagnate da formaggi a pasta filata come la squisita padellata di scamorza affumicata.
Servire a 16° C.