PASSIONE PER IL VINO, PASSIONE PER LA VITA

Considerato unanimemente uno più grandi condottieri d’Europa del suo secolo, il Conte Ottavio Piccolomini non fu soltanto un eccellente tattico, ma anche un uomo di grande cultura umanistica e scientifica che, amante della vita e dei suoi piaceri, incarnò appieno lo stile conviviale tipico della mentalità italiana.
Nacque nel 1599 e, sebbene la sua città natale fosse Firenze, viene annoverato fra i nobili senesi perché diretto discendente dei Piccolomini delle Papesse, Grandi di Siena.
La famiglia Piccolomini, stabilitasi subito dopo l’anno mille nel contado senese, rappresenta una delle famiglie più antiche d’Italia. Ne fanno parte illustri personalità della sfera religiosa e militare, come Enea Silvio, eletto pontefice nell’anno 1458 col nome di Pio II e Silvio, illustre Generale Imperiale e padre di Ottavio.
Seguendo le prestigiose orme del padre, Ottavio intraprese già da adolescente la carriera militare e, mostratosi ben presto anch’egli un coraggioso combattente, divenne, durante la Guerra dei Trent’Anni, il più valoroso fra i condottieri al servizio degli imperatori Ferdinando II e Ferdinando III d’Asburgo contro i ribelli principi germanici protestanti.
Dopo avere fatto le sue prime esperienze di battaglia in Italia, la carriera militare lo spinse, per gran parte della sua vita, al di fuori del territorio italiano. Pur restando fedele alle sue origini, Ottavio sviluppò una personalità cosmopolita e, grazie alle vittorie conseguite, accumulò ricompense tali da poter condurre un tenore di vita dedito al lusso e allo sfarzo.

Era pertanto un uomo versatile, capace di adattarsi tanto alla spartana vita militare dei campi di battaglia quanto alle grandezze degli ambienti di corte.
Estimatore del buon vino, Ottavio fu portavoce, in terra d’oltralpe, della prestigiosa tradizione vinicola italiana. Amava portare sempre con sé una bottiglia di buon vino, che condivideva con le più alte sfere della nobiltà mitteleuropea. Si narra che, durante la Guerra dei Trent’Anni, gli Asburgo vennero a conoscenza di numerosi vini italiani proprio grazie alla passione del Conte Ottavio Piccolomini.
Ottavio era noto per essere in grado di scegliere il vino giusto per ogni compagnia, occasione e pasto. Ben presto diventò, fra i contemporanei, l’ambasciatore indiscusso dello stile di vita all’italiana, gioioso ed entusiasta.
Proprio come colui che ha dato il nome alla nostra casa vinicola, oggi la Conte Ottavio Piccolomini d’Aragona srl seleziona per i propri clienti i migliori prodotti della tradizione nazionale ed estera, collocandosi così come portavoce dell’eccellenza enologica mondiale pur conservando la sua forte identità italiana e in particolare toscana.